Feeds:
Articoli
Commenti

Vincitori Nabawood 2016

Miglior fiction a IL GRANDE TESORO, di Simone Marangi.

Per l’ottimo lavoro svolto con i bambini e il buon lavoro di regia e di scrittura.

 

Miglior documentario a ALICE, di Chiara Leonardi.

Siamo alla presenza di un’autrice che si mette in gioco con grande consapevolezza e che propone una storia che arriva e si unisce alle nostre storie.

 

 

Miglior U.N.O. a NOTTURNA, di Giuseppe Onelia.

Per la costruzione di uno sguardo complesso, rivolto all’interno e all’esterno di noi, rimane il desiderio di proseguire con il viaggio.

 

Menzione Speciale della Giuria a SUPERBOY, di Arianna Travostino.

Una Commedia che racconta una storia emozionante e che si distingue per la leggerezza e l’equilibrio dei tempi di narrazione.

nabawood

Nabawood 2016

Rullo di tamburi…

Diamo il via alla dodicesima edizione del Nabawood.

Solito regolamento, solite procedure, nuovi film, trovate tutto qui

Mi raccomando, vi aspettiamo numerosi

Giuria Nabawood 2016

Bruno Chiaravalloti

Filmmaker a tutto tondo la sua passione per il cinema nasce dal corso di studi in Antropologia visuale e dalla fervida attività culturale nell’organizzazzione di festival fra cui il bAtik Film Festival di Perugia e il Filmmaker Festival di Milano.  Ha collaborato come filmmaker nella sezione multimedia dell’agenzia Prospekt. Il suo ultimo film documentario, Our War, in co-regia con Benedetta Argentieri e Claudio Jampaglia, è selezionato fuori concorso alla 73° Morsta del cinema di Venezia

 

Roberto Rizzente

Giornalista e filmmaker, scrive di teatro e arte contemporanea per varie riviste quali «Hystrio» e «Nèura». Tra i suoi saggi uno su Gabriele D’Annunzio (Einaudi 2004), Luigi Pirandello (Einaudi 2004), Teatro e nuovi media (Hystrio 1.2011), Teatro e sport(Hystrio 3.2012). Per Nu de Dos Arte ha realizzato il trittico di videoarte “Genio e follia” presentato in diverse mostre, nazionali  e internazionali. Tra le altre opere, lo spettacolo teatrale Veglia / Ολονυχτία (2009), presentato al Fringe Festival di Atene del 2009,  i cortometraggi Treni in partenza (2003) e  Sei quello che vedi.

 

Riccardo Annoni

Nel 1998 fonda Start S.r.l., società di produzione e post produzione per il cinema documentario e autoriale, per la quale si occupa del coordinamento di tutti i progetti, gestendone gli aspetti creativi, tecnici e di produzione. Al momento è in produzione sul nuovo film di Daniele Incalcaterra.

Michaela Guenzi

Dopo gli studi in Comunicazione d’Impresa e Pubblicità, si dedica al lavoro di Ufficio Stampa e MKTG presso alcune agenzie milanesi, per poi passare alla post-produzione fotografica. Inizia a far parte del team di Lombardia Film Commission nel 2007, prima come producer per poi passare alla gestione della comunicazione. Dalla seconda metà del 2015 è Responsabile della Fondazione.

Vincitori Nabawood 2015

MIGLIOR FICTION – MIO FRATELLO di Simone Bozzelli

Per la vibrante interpretazione di Andrea Arcangeli e Lorenzo Picco capaci di dare verità e spessore alle brevi scene di (a)normalità domestica raccontate con sensibilità dal soggetto di Simone Bozzelli. Nell’affrontare uno spaccato familiare complesso, la regia di Bozzelli sceglie di tenere la telecamera incollata ai suoi attori enfatizzando con intelligenza l’atmosfera e le dinamiche intime e, al tempo stesso, claustrofobiche, di questo racconto di de-formazione affettiva.

 

MIGLIOR DOCUMENTARIO – RITE OF PASSAGE di Alessia Zampieri

Docufiction più che documentario, il film di Alessia Zampieri trova nella delicatezza ovattata delle sue immagini il suo elemento fondante. Complice un commento sonoro avvolgente e la magnetica voce off di Hanae Marie Aoki, le sequenze di Rite of passage ipnotizzano lo spettatore trasformando il panorama norvegese in vero e proprio luogo dell’anima e che ci ricorda come la ricerca sia sempre di qualcosa che non può essere trovato ma solo anelato, desiderato.

La giuria tiene a sottolineare una nota di merito a questo eccellente progetto, perchè riesce a fondere con naturale grazia sia l’elemento documentaristico che la narrazione creata dalla regista.

 

MIGLIOR UNO – DODICI PAGINE di Luigi Lombardi

Per aver saputo integrare il girato di finzione con quello para-documentaristico dando vita a una koinè di linguaggi che trova nel racconto onirico una grazia e un vigore sorprendenti. Toccante e insieme visionario, nonostante qualche imprecisione tecnica e i debiti vistosamente lynchiani, il film vive dei fascinosi movimenti di macchina che accompagnano la vertigine narrativa con incedere sognante, della suggestiva fotografia e di un’accurata composizione scenica.

Filmidee Day

12241434_1005315432845167_782467925683110486_n
 

Come da programma di Filmidee, la giornata di domenica 13 dicembre sarà dedicata alla natura resistente del cinema. A partire dalle ore 11:30 si susseguiranno presso il Beltrade un mercatino di dvd e libri, un aperitivo, la presentazione di CINEMA IS NOT DEAD. WE ARE (prima pubblicazione cartacea di filmidee). Inoltre, a partire dalle ore 21, avrà luogo la proiezione di film tra cui i lavori di Perla Sardella (Comfort Zone) e Alessia Zampieri (Rite of passage), ex studentesse NABA, entrambi in concorso all’edizione 2015 del Torino Film Festival.

 

 

 

Proiezione Nabawood 2015

logo_nabawood
 
Come ogni anno arriva il giorno della proiezione, vi aspettiamo numerosi Giovedì 17 Dicembre dalle 17:30 in Aula Magna G 0.4, a seguire la premiazione.
 
 
Programma – Prima parte

Pleiades di Samantha Faini 
A ca’ mia di Stefania Carbonara e Vittoria Maiolo
Bianco assordante di Nicolò Puliafito 
ES-SAY di Chiara Arrigo 
Storytelling di Riccardo Galeazzi e Simone Marangi 
1MS di Nathan Boisdur 
Crazy Driver di Federico Agnellini
Leng tch’e di Matteo Fumagalli 
Stendhal di Lorenzo Zanoni 
Mood di Stefania Carbonara, Vittoria Maiolo, Maura Angioi e Marco Caleca 
La salita di Francesca Barison 
Comfort zone di Perla Sardella
Dodici Pagine di Luigi Lombardi
Hamelin di Vittoria Magnani
Piccolo Uno di Stefania Carbonara

 

Programma – Seconda Parte

Tormented mermaid di Nicola Onnis
Elena di Federico Agnellini 
Aesthetica di Federico De Maestri 
Ucraina di Matteo Paravicini
Carmen di Giuseppe Cardaci 
PDV di Luca Limardo
Ruin di Camilla Romeo e Luca Serventi 
Riu Mudu di Maura Angioi
Inverno di Tommaso Dall’Osso
Rite of passage di Alessia Zampieri
La diva di Carola Lafuenti 
Mio fratello di Simone Bozzelli