Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ludovica mantovan’

Miglior fiction

Further Up Yonder, di Giacomo Sardelli

per l’emozionante crescendo dovuto all’uso delle musiche e della voce narrante

Miglior documentario

Mensajes en el viento di Lorenza Fumagalli e Candelaria Castiarena

Per la singolarità del soggetto trattato con una narrazione solida e ad un tempo fresca.

Miglior animazione

Ingranaggi sospesi, di Ludovica Mantovan

Molto elegante e raffinato nello stile che sa ricorrere ad un uso cosciente e sapiente del linguaggio cinematografico.

Miglior Videoarte

1° Sandy, di Galuco Canalis

perché creare documentari veri o finti, reali o costruiti partendo dai filmati disponibili in rete apre infinite possibilità narrative e di inchiesta sul filmare oggi.

Miglior Unidentified Narrative Object

1° Blindview, di Sirio Vanelli

Per aver individuato un’idea semplice ma forte e precisa, realizzata con gusto senza rinunciare ad un forte impatto emotivo.

Annunci

Read Full Post »

ludovicamantovan_Ingranaggi Sospesi3_500px

Ingrqanaggi Sospesi, di Ludovica Mantovan, ha vinto il primo premio come miglior film del festival Video.it .

Il cortometraggio è il risultato della ricerca di tesi triennale per la scuola di Media Design, ispirato ai racconti orali di suo nonno, racconta, infatti, la vita di Giovanni Volpato, un ragazzo di 17 anni imbarcato durante la seconda guerra mondiale a bordo del sommergibile Torelli.
Nella routine militare, intrappolato come in una botte, l’alienazione è totale. È pedina mentre i giorni si confondono con le notti e la paura durante gli attacchi è a forza controllata. Anche quando si trovano apparentemente liberi, la loro condizione non fa che condannarli a una dipendenza da quella macchina che è salvezza e prigione al tempo stesso.
Nella sospensione provocata dal sommergibile i dialoghi si perdono, i personaggi rimangono sconosciuti e interscambiabilie i fatti tendono a confondersi e ad avere limitata importanza nello scenario allargato della situazione del sommergibilista. Quello che rimane è privo di qualsiasi genere di didascalia visiva, talvolta sconnesso e volutamente alienante.

Read Full Post »