Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘media design’

MIGLIOR FICTION – MIO FRATELLO di Simone Bozzelli

Per la vibrante interpretazione di Andrea Arcangeli e Lorenzo Picco capaci di dare verità e spessore alle brevi scene di (a)normalità domestica raccontate con sensibilità dal soggetto di Simone Bozzelli. Nell’affrontare uno spaccato familiare complesso, la regia di Bozzelli sceglie di tenere la telecamera incollata ai suoi attori enfatizzando con intelligenza l’atmosfera e le dinamiche intime e, al tempo stesso, claustrofobiche, di questo racconto di de-formazione affettiva.

 

MIGLIOR DOCUMENTARIO – RITE OF PASSAGE di Alessia Zampieri

Docufiction più che documentario, il film di Alessia Zampieri trova nella delicatezza ovattata delle sue immagini il suo elemento fondante. Complice un commento sonoro avvolgente e la magnetica voce off di Hanae Marie Aoki, le sequenze di Rite of passage ipnotizzano lo spettatore trasformando il panorama norvegese in vero e proprio luogo dell’anima e che ci ricorda come la ricerca sia sempre di qualcosa che non può essere trovato ma solo anelato, desiderato.

La giuria tiene a sottolineare una nota di merito a questo eccellente progetto, perchè riesce a fondere con naturale grazia sia l’elemento documentaristico che la narrazione creata dalla regista.

 

MIGLIOR UNO – DODICI PAGINE di Luigi Lombardi

Per aver saputo integrare il girato di finzione con quello para-documentaristico dando vita a una koinè di linguaggi che trova nel racconto onirico una grazia e un vigore sorprendenti. Toccante e insieme visionario, nonostante qualche imprecisione tecnica e i debiti vistosamente lynchiani, il film vive dei fascinosi movimenti di macchina che accompagnano la vertigine narrativa con incedere sognante, della suggestiva fotografia e di un’accurata composizione scenica.

Annunci

Read Full Post »

logo_nabawood
 
Come ogni anno arriva il giorno della proiezione, vi aspettiamo numerosi Giovedì 17 Dicembre dalle 17:30 in Aula Magna G 0.4, a seguire la premiazione.
 
 
Programma – Prima parte

Pleiades di Samantha Faini 
A ca’ mia di Stefania Carbonara e Vittoria Maiolo
Bianco assordante di Nicolò Puliafito 
ES-SAY di Chiara Arrigo 
Storytelling di Riccardo Galeazzi e Simone Marangi 
1MS di Nathan Boisdur 
Crazy Driver di Federico Agnellini
Leng tch’e di Matteo Fumagalli 
Stendhal di Lorenzo Zanoni 
Mood di Stefania Carbonara, Vittoria Maiolo, Maura Angioi e Marco Caleca 
La salita di Francesca Barison 
Comfort zone di Perla Sardella
Dodici Pagine di Luigi Lombardi
Hamelin di Vittoria Magnani
Piccolo Uno di Stefania Carbonara

 

Programma – Seconda Parte

Tormented mermaid di Nicola Onnis
Elena di Federico Agnellini 
Aesthetica di Federico De Maestri 
Ucraina di Matteo Paravicini
Carmen di Giuseppe Cardaci 
PDV di Luca Limardo
Ruin di Camilla Romeo e Luca Serventi 
Riu Mudu di Maura Angioi
Inverno di Tommaso Dall’Osso
Rite of passage di Alessia Zampieri
La diva di Carola Lafuenti 
Mio fratello di Simone Bozzelli

Read Full Post »

Miglior fiction

Further Up Yonder, di Giacomo Sardelli

per l’emozionante crescendo dovuto all’uso delle musiche e della voce narrante

Miglior documentario

Mensajes en el viento di Lorenza Fumagalli e Candelaria Castiarena

Per la singolarità del soggetto trattato con una narrazione solida e ad un tempo fresca.

Miglior animazione

Ingranaggi sospesi, di Ludovica Mantovan

Molto elegante e raffinato nello stile che sa ricorrere ad un uso cosciente e sapiente del linguaggio cinematografico.

Miglior Videoarte

1° Sandy, di Galuco Canalis

perché creare documentari veri o finti, reali o costruiti partendo dai filmati disponibili in rete apre infinite possibilità narrative e di inchiesta sul filmare oggi.

Miglior Unidentified Narrative Object

1° Blindview, di Sirio Vanelli

Per aver individuato un’idea semplice ma forte e precisa, realizzata con gusto senza rinunciare ad un forte impatto emotivo.

Read Full Post »

Soble film festival 2013

Nabawood va in trasferta! Dal 28 febbraio al primo marzo, alcune delle produzioni della scuola di media design della NABA saranno proiettate allo Soble Film festival 2013 di Vilnius. Ben tre film sono in concorso: West edges, di Luca Di Meo, Il cielo e’ un tappo bianco sopra Shangai, di Laura Bianco ed un’anticipazione dall’ edizione 2013 del nabawood: Blindview, di Sirio Vanelli.

Si tratta di un vero e proprio gemellaggio, per condividere visioni e ricerca fra scuole di cinema, e’ cosi’ che e’ nata la collaborazione con lo Soble student film festival  ed il Nabawood, ed anche noi saremo contenti di ospirare per la prossima edizione del festival proiezioni internazionali da varie altre accademie.

Read Full Post »

un documentario di Gabriele Cipolla

ICARO PLATFORM
vi invita alla presentazione del progetto di produzione partecipata per

ULTIMO FILM, un documentario di Gabriele Cipolla.

mercoledì 24 OTTOBRE
dalle 19 alle 23 presso la Galleria aperta in via F. Burlamacchi, 1
Milano

Il film sarà al contempo una traccia tattile e narrativa della chiusura dell’ultimo laboratorio di sviluppo della pellicola cinematografica di Milano, ad un mese dalla fine dell’attività.

Un ultimo viaggio nelle vite dei dipendenti, nei loro ricordi e saperi, raccontati con la pasta granulosa di un 16mm, in una battaglia, forse definitivamente persa, contro la fine di un epoca.

Gabriele Cipolla exstudente della scuola di media design al suo secondo documentario, si cimenta in un’opera che vuole raccontare una Milano imprevista e poetica alla fine di un percorso, e noi saremo lì a sostenerlo! Vogliamo vedere questo film!

Read Full Post »

Il documentario West edges realizzato da Luca Di Meo per il conseguimento del diploma accademico triennale della scuola di Media design della NABA e’ stato selezionato al festival internazionale di Reykjavík, Shortsdocs.

In un viaggio che rappresenta al contempo la ricerca di un confine, di una terra lontana, l’Islanda, West edges ci guida attraverso storie popolari, racconti soprannaturali, scenari in cui folletti e fantasmi sembrano essere parte del quotidiano, alla scoperta del confine tra mito e reale. (altro…)

Read Full Post »

Image

Dopo una lunga gestazione ecco a voi i due cortometraggi realizzati dagli studenti della Scuola di Media Design della NABA.

Si tratta di “Indovina che manca a cena?” di Raffaele Siniscalco Dorotea Pace e Laura Bianco, e “Il trasloco” di Giulio Volpe, Matteo Stefan e Federico Dicorato.

L’obiettivo di questo progetto era raccontare come la tradizione del pane riesca ad evocare nella nostra memoria momenti intimi e delicati provando ad trasmetterli attraverso un linguaggio un po’ diverso dalla comunicazione a cui siamo abituati quando parliamo di Mulino Bianco.

Barilla ha quindi selezionato alcuni fra gli studenti della Scuola di media design della NABA per realizzare due piccole narrazioni che possano parlare proprio ai ventenni, ora. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »